PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO

9 febbraio 2017

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA

Anno 2017

Premessa

L’ingresso alla Scuola Elementare (o primaria) coincide per il bambino con il completamento di un processo di crescita che lo porterà al passaggio da un mondo soggettivo a un mondo basato su una realtà oggettiva governata da regole condivise, in cui il bambino dovrà compiere uno sforzo di adattamento, adeguandosi a ciò che la nuova realtà gli richiede. La differenza tra scuola e asilo, infatti, non è solo nelle materie che vengono insegnate ma, soprattutto, nelle regole che vengono imposte agli scolari. Nel giro di qualche giorno i bambini devono capire che non ci si alza dal proprio banco in continuazione, che in classe si fa silenzio, che gli insegnanti vanno ascoltati, che non si gioca ma si eseguono esercizi, che esistono degli orari precisi di entrata e di uscita, che la cartella deve contenere tutti gli strumenti necessari per quello specifico giorno di lezioni, ovvero un insieme di normative che alla scuola materna sono presenti ma non sono così rigide.

Per poter affrontare con facilità l’ingresso alla scuola primaria il bambino deve possedere inoltre un bagaglio di competenze tra cui un’adeguata capacità motoria e di coordinazione visuo-motoria, adeguate capacità visive ed uditive, padronanza del linguaggio, sia in comprensione che in espressione, capacità di prestare e mantenere l’attenzione, capacità di elaborare i simboli. Deve inoltre essere in grado di entrare in relazione con gli altri, riconoscendo e rispettando le regole del gruppo.

In genere l’adattamento alla scuola primaria avviene con naturalità ed il bambino percepisce il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla primaria come un momento di crescita gratificante per lui che si sente “grande”. Tuttavia è importante facilitarlo spiegando tale passaggio e dando al bambino tutte le competenze che saranno basilari per adattarsi bene al nuovo contesto.

Questo progetto ha la finalità di preparare al meglio il bambino a questo importante cambiamento della sua vita, offrendo in un clima accogliente e sereno e in un contesto di gruppo, degli strumenti e delle competenze che gli serviranno e saranno basilari nell’ambito scolastico.

Destinatari

Il progetto si rivolge ai bambini che frequentano l’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia e che nel mese di Settembre inizieranno la Scuola Elementare. I bambini verranno suddivisi in gruppi di 3-4 bambini.

 

Obiettivi

Durante le sedute verranno svolte differenti attività al fine di perseguire i seguenti obiettivi progetto3[1065]specifici:

  • Saper rispettare le regole, i tempi e gli spazi;
  • Favorire l’apertura alla comunicazione, la capacità di ascolto e le competenze relazionali;
  • Favorire una maggior capacità di concentrazione in riferimento ad una consegna data;
  • Promuovere le competenze grafomotorie in vista dell’apprendimento della scrittura;
  • Lavorare sui prerequisiti scolastici come: Attenzione e memoria visuospaziale, abilità logiche, abilità linguistiche, abilità di pre-calcolo, consapevolezza di sentimenti e emozioni, capacità di orientarsi nel tempo e nello spazio, consapevolezza del proprio schema corporeo.

 

Metodologia

Il setting psicomotorio.

La sala di psicomotricità è uno spazio progettato affinché sia disponibile ad accogliere diversi tipi di attività. È strutturato in due luoghi:

  • Primo luogo: è riservato all’attività motoria ed è più ampio e aperto. Qui non è presente un arredo fisso ma soltanto materiale non strutturato (cuscini, materassi, corde, palle, bastoni, teli etc…). È il luogo dedicato alle attività di gioco e all’espressione di sé.
  • Secondo luogo: è riservato all’espressività plastica, grafica, alle attività manuali e ai lavori sui prerequisiti scolastici. È ridotto spazialmente e prevede la presenza di uno o più tavolini vicino a degli armadi dai quali si può attingere al materiale più specifico utilizzato in questo spazio (strumenti grafici, pongo, perline, schede di lavoro, giochi strutturati etc…)

 

Il Tempo e le Attività

Ogni incontro avrà una durata di 50 minuti, suddivisi in diverse fasi:

  1. RITUALE D’ENTRATA: I primi minuti, durante i quali verrà chiesto ai bambini di sedersi insieme in cerchio, sono dedicati al saluto. I bambini in un primo momento potranno raccontare qualcosa di loro e ascoltare quello che gli altri avranno da raccontare. Successivamente verrà presentato dalla terapista il tema del giorno che farà da filone per tutte le attività dell’incontro.
  2. PRIMO MOMENTO: È il tempo dedicato al gioco di
    gruppo
    e si svolgerà nella parte dellaprogetto2[1066] stanza dedicata all’attività motoria. I giochi, scelti dalla terapista, avranno la finalità di lavorare sul rispetto delle regole, sull’attenzione, sulla collaborazione e sull’educazione ad una sana competizione.
  3. SECONDO MOMENTO: Questa parte dell’incontro si svolgerà invece nel secondo luogo del setting psicomotorio, seduti ai tavolini. Qui verranno svolte diverse tipologie di attività che varieranno di settimana in settimana e che avranno lo scopo di lavorare sui prerequisiti scolastici (attività grafomotoria in preparazione alla scrittura, attenzione e memoria visuospaziale, abilità logiche, abilità linguistiche, abilità di pre-calcolo, consapevolezza di sentimenti e emozioni, capacità di orientarsi nel tempo e nello spazio, consapevolezza del proprio schema corporeo)
  4. RITUALE D’USCITA: Verrà chiesto ai bambini di riordinare tutti insieme i giochi e i materiali che sono stati utilizzati. Successivamente, in cerchio, verrà chiesto ad ogni bambino di dire la cosa che gli è piaciuta di più dell’incontro e ci si saluterà.

 

Tempi e Costi.

Il progetto avrà inizio nel mese di Marzo e terminerà a Luglio con la fine dell’anno scolastico. È necessario un percorso minimo di 10 sedute della durata di 50 minuti che si terranno a cadenza settimanale.  

Il gruppo sarà composto da un minimo di 3 bambini ad un massimo di 4.

Per la buona riuscita del progetto, è richiesto l’impegno a partecipare a tutte le sedute. Qualora il bambino fosse malato o in caso di impedimenti bisognerà avvisare dell’assenza almeno il giorno precedente all’incontro.

Per info e costi, lasciare un messaggio al numero 0287159125 : sarete ricontattati il prima possibile!

 

Posted in Blog by Anna Montuori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi